Disturbi della sfera sessuale

Negli ultimi anni il numero di persone che chiedono di essere aiutate per un disagio o per delle difficoltà riguardanti la loro vita sessuale è in costante aumento.

 

Si osserva inoltre, che il più delle volte la natura del problema non richiede l’intervento di un medico specialista nella terapia del sesso ma di un professionista che sappia ascoltare le domande di natura sessuale, che non ignori quanto di sessuale è presente nell’anamnesi di chi non affronta spontaneamente quel tema e sappia orientarsi sul piano diagnostico per dare una risposta che non sia sempre un semplice invio ad altri. 

 

La condotta sessuale come ogni altro comportamento umano risponde a molteplici bisogni di base, utilizza diverse modalità di fruizione e persegue un’insieme di mete. La risposta sessuale è un comportamento complesso ed è influenzata da diversi fattori che fanno riferimento ai diversi ambiti.

 

 

Come illustrato dalla tabella, ogni ambito ha una sua importanza poiché è in grado di influenzare positivamente o negativamente l’espressione della sessualità di una persona. Seguendo lo stesso schema, a secondo della causa, i disturbi (deficit) sessuali si possono dividere in due macro categorie;

  • Disturbi sessuali di natura endogena, o di natura organica quando vi è un deficit cromosomico, ormonale, alterazioni endocrine, o per effetto collaterale di alcuni farmaci.
  • Disturbi sessuali di natura psicogena o psicologica: quando vi sono dei tabu morali, difficoltà personali, credenze errate sul sesso e la sessualità, problemi relazionali nella coppia, oppure una percezione di sé negativa.

 

 

Classificazione dei disturbi sessuali

I disturbi della sfera sessuale, come abbiamo accennato, possono essere molteplici. Lo schema sottostante riassume i disturbi secondo la classificazione del DSM-IV (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi psichici).

 

disfunzioni sessuali

 

In cosa consiste la Psicoterapia?

Spesso una coppia si rivolge ad un medico per problemi sessuali solo dopo una serie accurata di indagini cliniche. Se non emergono deficit fisici, fisiologici o biologici in grado di rispondere alla difficoltà sessuale presentata dalla coppia, la coppia viene invitata a rivolgersi ad uno psicoterapeuta per capire e risolvere eventuali cause relazionali e/o personali.

Il primo passo che un bravo terapeuta deve fare è quello di capire tramite un’attenta analisi quale siano le cause del problema, da quanto tempo persiste, quali sono le credenze della persona riguardo alla sessualità e al sesso, se ci sono fattori culturali o morali riguardanti al sesso, indagare nella sfera personale, quale immagine la persona ha di sé, come affronta le difficoltà della vita quotidiana e infine come vive le sue difficoltà sessuali.

Dopo la fase di assessment si cerca di definire il problema tramite un modello di spiegazione di cause e conseguenze. Infine si propone un intervento terapeutico per risolvere il problema. È importante anche la qualità della relazione che la persona sta vivendo e il coinvolgimento del partner nella terapia. La terapia cognitivo comportamentale esplorando e modificando le credenze errate sul sesso e sulla sessualità, migliora l’autostima e l’autoefficacia percepita dal soggetto, tramite le tecniche comportamentali, e porta la persona e la coppia ad affrontare le proprie difficoltà sessuali. Nel trattamento risultano importanti l’educazione alla sessualità, l'educazione alla conoscenza del corpo e dei meccanismi di funzionamento degli organi sessuali.
Attraverso una conoscenza reciproca i due partner andranno pian piano all'esplorazione e alla conoscenza della propria sessualità portando ad una vita sessuale soddisfacente.

 

A chi rivolgersi?

Per un inquadramento diagnostico e una successiva terapia, sarebbe più opportuno, la collaborazione tra medico e psicoterapeuta. Entrambi cercheranno di capire la natura del disturbo e di conseguenza indirizzare la persona su un trattamento di tipo medico o psicoterapico. Quest’ultimo, in molti casi, risulta quasi necessario poiché anche se la causa del disturbo fosse organica, la presenza dello stesso ha provocato un disagio tale che viene da interessare e compromettere la vita e le relazioni delle persone portando un disagio anche sul piano psicologico.

Accertatevi di trovare uno psicoterapeuta di indirizzo cognitivo comportamentale e/o specializzato in sessuologia.

 

Letture Consigliate

 - “Fiori senza luce: Sentieri per la crescita sessuale femminile”: Autore: M. Giannantonio; ediz. Ecomind (2005)

 - “Impariamo a fare l’amore”: Autore Rachel Swift; ediz. Sperling& Kupfer (1994)

 - “S come Seduzione”: Autore G. la Porta; ediz. Marco Tropea (Ristampa 2007)